remarketing e retargeting

Remarketing e retargeting: vantaggi e differrenze

Sai che la tua strategia web può ancora essere migliorata? Come? Con il remarketing e retargeting. Due tecniche molto efficaci che ti consentono di promuovere i tuoi servizi o prodotti a persone che hanno già manifestato interesse agli stessi. Con queste tecniche puoi promuovere i tuoi prodotti e spingere l’utente a svolgere una determinata azione. Occorre, però, prima di tutto fare chiarezza sul significato dei due termini perché queste due parole non sono sinonimi.

Se sei in cerca di un’agenzia digitale che metta al primo posto la comunicazione del tuo brand, DAMA Services è quello che stai cercando. Contattaci utilizzando il form in prima pagina o chiamando i nostri numeri.

Significato di remarketing e retargeting

Retargeting significato: il termine deriva dal verbo inglese target che significa mirare e il re davanti indica una ripetizione nell’azione stessa. Il retargeting ha l’obiettivo di raggiungere utenti che hanno già visitato il tuo sito (e quindi già messi in target), ma che non hanno effettuato nessun acquisto. Questa tecnica ha come scopo quello di invogliarli a tornare magari con un offerta o una novità. Per raggiungere risultati concreti puoi utilizzare diversi strumenti e in particolare:

  • annunci display su Google ADS o YouTube
  • inserzioni su Facebook Ads o Instagram

Remarketing significato: Anch’esso deriva dal verbo inglese market che significa comprare e il re davanti indica una ripetizione nell’azione stessa. Il remarketing infatti si rivolge non più agli utenti ma a clienti già fidelizzati, che già hanno acquistato da te. Lo scopo di questa tecnica è spingerli di nuovo a comprare da te magari con un prodotto complementare a quello già acquistato.

In quest’ultimo caso, oltre a sfruttare gli strumenti già visti e fare, remarketing su Google e remarketing su Facebook, puoi definire campagne DEM. Le Direct Email Marketing mirano a creare newsletter di sicuro impatto attraverso le quali puoi diffondere contenuti rilevanti come promozioni in corso e novità.

Ricorda però che le newsletter non devono diventare spam! Va bene inviare una newsletter una volta ogni tanto ma non esagerare per non rischiare di finire nel cestino o nell’elenco della posta indesiderata.

Strategia remarketing e retargeting migliore

La strategia più idonea prevede l’uso degli strumenti sopra menzionati in modo professionale. Devi anzitutto saper utilizzare al meglio Google ADS e Business Manager, considera che le campagne a pagamento vanno impostate bene in termini di target. Devi definire area geografica di riferimento, dati anagrafici e interessi degli utenti che si intendono raggiungere.

Per la pianificazione, ad esempio, di una campagna remarketing performante devi conoscere a fondo le ADS di Google. Budget e le parole chiave inserite in ogni annuncio hanno un peso molto elevato sulle prestazioni dell’intera campagna. Bisogna essere estremamente preparati per non rischiare di perdere clienti e conoscere il tag di remarketing di Google ADS che raccoglie automaticamente informazioni sul traffico.

Se la campagna viene impostata in base ai comportamenti dei destinatari, si hanno ottime probabilità di spingere i vecchi clienti a comprare nuovamente da te. Stessa cosa dicasi per Facebook, anche in questo caso non puoi fare inserzioni se non sei più che preparato nel settore della pubblicità su Facebook. Devi sapere che per fare una campagna di retargeting o remarketing hai bisogno di strumenti avanzati. Ad esempio per il remarketing su Facebook devi usare il Pixel. Il Pixel è uno strumento avanzato per la raccolta dei dati delle persone che visitano il tuo sito. Se non usato correttamente rischi di spendere soldi su campagne che non ti porteranno i risultati che speri.

Ecco perché se hai un’attività e hai intenzione di ottenere risultati in linea con i tuoi obiettivi ma non sei ferrato sul retargeting e remarketing è meglio affidarsi a professionisti del web.

Differenze principali

Quindi, per concludere, se è vero che il remarketing e retargeting non sono la stessa cosa è vero anche che queste tecniche possono essere utilizzate insieme se vuoi diventare con la tua attività un punto di riferimento nel tuo settore. Non devi per forza scegliere se investire sull’una o sull’altra, puoi investire su entrambe, l’importante è porti prima di tutto degli obiettivi, capire da dove parti e dove vuoi andare.

Contestualmente costruisci un canale di comunicazione per interagire con i tuoi clienti. Utilizza al massimo i social, rispondi a domande e curiosità, invita a lasciare recensioni, promuovi eventi particolari che coinvolgano il tuo pubblico. Insomma distinguiti dalla concorrenza, fai di tutto per far sì che i tuoi clienti o potenziali clienti scelgano te. Vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare e tu potrai finalmente beneficiare di una larga cerchia di acquirenti, affezionati e soddisfatti.

1 commento su “Remarketing e retargeting: vantaggi e differrenze”

  1. Pingback: Come aumentare rapidamente le vendite ecommerce - Web Agency Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *